LA STORIA CONTINENTAL: LA STORIA DELLA SICUREZZA IN STRADA

1937. Nasce il primo pneumatico da neve della storia. Anche se “nasce” non è il termine più corretto: uno pneumatico infatti si progetta ed è frutto di anni di innovazione, ricerca e sviluppo. E a progettarlo è stato Continental. Uno snodo cruciale per la sicurezza in strada, perché ha reso i nostri viaggi più sicuri in caso di pioggia, ghiaccio, freddo e neve e quindi l’inverno meno temibile.

Da oltre 140 anni, Continental fa della sicurezza stradale il proprio impegno costante grazie ad una visione che valica i confini strettamente aziendali prefiggendosi un obiettivo molto ambizioso: Vision Zero, in altre parole Zero vittime, Zero feriti e Zero incidenti su strada.

Per questo motivo la storia di Continental è costellata di grandi traguardi.

Nel 1968 fa la sua entrata in scena la prima auto senza conducente, controllata da remoto elettronicamente. Testata sulla pista di Contidrom destò la meraviglia di stampa e pubblico, sancendo un significavo avanzamento nelle tecnologie legate a nuove forme di mobilità. Le stesse che oggi occupano pagine e pagine nelle principali riviste di settore e sulla stampa generalista, creando dibattito tra esperti ed opinione pubblica.

Negli anni ’80 i protagonisti sono gli pneumatici per i truck. Viene ampliata l’intera gamma con nuove tipologie e dimensioni, rendendo possibile l’equipaggiamento di gran parte del trasporto pesante. Gli anni ‘90 e i primi anni duemila vedono un notevole miglioramento nel campo degli pneumatici invernali, con innovazioni e tecnologie ispirate dalle aspre terre e dalle rigide condizioni climatiche della Scandinavia. Un’evoluzione continua che dal 1937, con quel primo pneumatico da neve, inaugurò la lunga serie di successi.

Oggi, Continental continua a lavorare per una mobilità sempre più sicura, sostenibile e automatizzata. Ogni giorno ci impegniamo a sviluppare tecnologie all’avanguardia: pneumatici sempre più evoluti per ogni tipo di necessità, innovazioni sempre più attente alla salute del nostro ambiente e forme di automazione che estendano occhi, orecchie e riflessi dei conducenti di ogni mezzo.

Questo è il nostro modo di creare un futuro diverso, il futuro della mobilità firmato Continental.